Udinese-Roma 1-0: giallorossi stesi dal miracolo di Nicola

Andrea Serra

Andrea Serra

Sono un giovane studente romano, appassionato di sport, soprattutto di calcio, innamorato della Roma, che seguo assiduamente dall'infanzia.
Andrea Serra

Dopo la magra pausa nazionali, si riaccendono i riflettori sulla tredicesima giornata di Serie A, che si apre con la sfida tra Udinese e Roma. I friulani si presentano guidati dal nuovo allenatore Nicola con poche certezze, nella speranza che le pesanti assenze in casa giallorossa (fuori Olsen, Manolas, De Rossi e Dzeko) possano intralciare i piani degli avversari, in cerca di conferme e consapevolezza.

Sin dai primi minuti di gioco si può presagire l’andamento della gara, con i giallorossi che cercano di proporsi con piglio deciso e intraprendente alla conduzione del gioco, mentre i padroni di casa optano per un più concreto catenaccio, sperando di innescare delle ripartenze veloci. Gli uomini di Di Francesco conquistano il centro del campo, esibendosi in prolungati possessi palla che tuttavia non creano pericoli alla retroguardia friulana, artefice di di una prova difensiva organizzata e precisa. Le azioni salienti scarseggiano da ambo le parti. Tra i romanisti i più ispirati risultano senz’altro ElShaarawy, protagonista di diverse buone conclusioni dal limite, e Schick, sebbene il ceco non riesca mai a svettare sui numerosi cross che arrivano in area, mentre per l’Udinese vanno segnalate un paio di ripartenze veloci ad opera di De Paul e Pussetto, favorite da qualche incertezza di troppo della difesa giallorossa.

La seconda frazione ha inizio con gli uomini di Nicola che scendono in campo visibilmente più grintosi e convinti rispetto al primo tempo. Dopo appena nove minuti dal fischio, infatti, i padroni di casa passano inaspettatamente in vantaggio al 54’ grazie a De Paul che insacca, con un tocco sotto a scavalcare il portiere, il suggerimento di Pussetto da rimessa laterale. La reazione degli uomini di Di Francesco è quasi del tutto inesistente. I giallorossi sembrano sorpresi e incapaci di trovare delle contromisure all’esuberanza fisica dei friulani, che si vedono annullare dal VAR il raddoppio firmato Pussetto al 61’, (tocco di mano nel funambolico controllo in area dell’argentino). Di Francesco cerca di scuotere i suoi mettendo dentro Dzeko e Under, ma l’attacco continua  anon pungere e anzi dietro la squadra offre il fianco alle ripartenze dei bianconeri, che in più occasioni vanno vicini al raddoppio. Così, nonostante gli ultimi minuti di gioco nella metà campo avversaria, la Roma esce sconfitta per 1-0 dall’Udinese.

Pagelle romaniste

  • Mirante: 6 – Si presenta all’esordio senza grandi problemi, gestisce la palla spesso anche con grande freddezza. Sul gol subito forse qualcosa in più si sarebbe potuto fare.
  • Santon: 5,5 – Partita non esalatante. Buona la spinta in avanti continua, ma viziata da scarsa qualità dei cross. Si fa saltare troppo facilmente in occasione del gol.
  • Fazio: 6 – Buona partita per il comandante, attento e pulito in fase difensiva.
  • J.Jesus: 5 – Pussetto fa il proprio comodo dalla sua parte.
  • Kolarov: 6,5 – Il più vecchio, ma anche tra i più importanti. È lui il vero regista della squadra.
  • N’Zonzi:6 – Ottimo filtro difensivo e buona anche la parte di impostazione nel primo tempo, nella ripresa perde la voglia di impostare.
  • Cristante: 5 – Mai veramente al centro del gioco, troppo spesso infastidisce il compagno di reparto invadendo la sua zona di competenza e nella ripresa è surclassato da Fofana.
  •  Kluivert: 5 – Non in partita, appare nervoso dall’inizio e spesse volte sbaglia il primo controllo, permettendo agli avversari di bloccarne le iniziative.
  • Under: 5,5 – Subentra nella ripresa, ma tradisce le aspettative non dando lo sprint necessario.
  • Pellegrini: 6,5 – L’unico dinamico nel centrocampo romanista e sempre alla ricerca di soluzioni interessanti. Speriamo nulla di grave il suo infortunio.
  • Zaniolo: SV
  • El Shaarawy: 6 – Per l’intraprendenza e la voglia meriterebbe molto di più, peccato che manchi sempre l’appuntamento col gol.
  • Schick: 5,5 – Nella prima frazione si dimostra volenteroso e pronto a lottare anche su palloni alti, nella ripresa cala vistosamente ed esce. Spunti, ma nulla di fatto.
  • Dzeko: 6 – Il gigante entra dalla panchina e cerca di recuperarla in extremis, ma non riesce da solo.
  • Di Francesco: 5,5 – Squadra scarica, svogliata e senza idee. Oggi c’era l’Udinese, ma martedì tocca ai campioni d’Europa del Real Madrid, chissà che si inventerà.

Udinese-Roma 1-0 Highlights

Leggi anche:

Condividi!
  • 1
    Share
[Heateor-SC]