Roma-Spal 0-2: catenaccio..”semplici semplici”

Andrea Serra

Andrea Serra

Sono un giovane studente romano, appassionato di sport, soprattutto di calcio, innamorato della Roma, che seguo assiduamente dall'infanzia.
Andrea Serra

Dopo la pausa, ad inaugurare la nona giornata di Serie A ci sono Roma e Spal, pronte a darsi battaglia in un Olimpico particolarmente festante, complice il clima decisamente estivo e la presenza di famiglie e bambini per iniziativa della società capitolina.

La sfida ha inizio con i padroni di casa concentrati e subito agguerriti nella gestione del pallone. I giallorossi si propongono spesso e ripetutamente nell’area avversaria, grazie soprattutto a ottime combinazioni sulle fasce (con Under da una parte e Luca Pellegrini dall’altra particolarmente ispirati), nonché sviluppando un’ottima intesa centralmente, tuttavia la barricata studiata da Semplici sembra funzionare, e così la retroguardia estense si salva. La prima e vera azione dei ferraresi arriva al 37’ quando sugli sviluppi di una grande discesa sulla destra di Lazzari, L.Pellegrini causa un rigore, prontamente realizzato da Petagna, che porta così in vantaggio la propria squadra con il primo ed unico tiro in porta effettuato.

Nella seconda frazione il canovaccio tattico rimane immutato, con i giallorossi intenti a spingere per ricercare il pareggio, mentre la Spal effettua un’efficace ed ordinatissima fase difensiva per poi sfruttare eventuali contropiedi. Nonostante la necessità dei romanisti di trovare il gol, la partita ora sembra più equilibrata e anche gli spazi di manovra per gli uomini di Di Francesco si sono ridotti. La situazione precipita poi al 55’, quando sugli sviluppi di un calcio d’angolo Bonifazi mette a segno il suo primo gol in Serie A, raddoppiando il parziale e gettando i padroni di casa nella confusione più totale, di fronte alla beffa di aver subito due gol su due tiri concessi agli avversari, dopo aver sprecato invece una mezza dozzina di occasioni. I ragazzi di Di Francesco si rinvigoriscono negli ultimi 10’ di gioco, in seguito ad una traversa colpita da Pellegrini al 66’ e all’espulsione del portiere estense Savic per doppia ammonizione (il primo giallo per perdita di tempo e il secondo per proteste). Nonostante l’assalto finale dei romanisti, la partita si chiude sul 2-0 Spal, che sarebbe potuto anche essere più severo se Olsen negli ultimi secondi non avesse negato a Petagna un’ulteriore gioia.

Pagelle romaniste

  • Olsen: 6,5 – Salva in diverse occasioni la sua squadra, è in costante crescita.
  • Florenzi: 5 – Mai veramente in partita, né in fase difensiva né in quella offensiva.
  • Fazio: 4 – Bonifazi completamente solo al centro dell’area insacca su calcio d’angolo. Di certo non ero io in marcatura.
  • Marcano: 5.5 – Partita mediocre per lui. Non eccelle, ma non commette nemmeno errori madornali.
  • L.Pellegrini: 5,5 – Ottima la partenza sprint, poi causa il rigore e cala psicologicamente.
  • Pastore: SV
  • N’Zonzi: 6 – Non fluidifica alla velocità della luce, ma porta ordine e concretezza al centrocampo.
  • Cristante: 4,5 – Ancora una volta un pesce fuor d’acqua, vaga per il campo senza costrutto.
  • Kluivert: 5 – Entra con piglio positivo, ma non riesce ad incidere.
  • Under: 5 – Primo tempo con ottimi spunti in velocità. Nel corso del match, tuttavia, si spegne inesorabilmente.
  • Coric: 5 – Esordio giusto per rompere il ghiaccio, pochissimi palloni giocati.
  • Pellegrini: 6 – Tra i migliori della sua squadra, nulla di eccezionale, comunque qualche buona apertura in profondità e una traversa all’attivo.
  • El. Shaarawy: 5 – Spesso al centro delle azioni offensive, ma mai preciso o risolutivo, spreca innumerevoli palloni.
  • Dzeko: 4 – Si mangia un pranzo di nozze di gol, non è sostenibile sbagliare ogni volta cinque, sei palle gol per insaccarne una, se poi non gioca nemmeno per la squadra lottando e facendo salire i suoi come spesso ha fatto.
  • Di Francesco: 6 – La formazione c’era, la tattica nel primo tempo anche, i suoi giocatori non pervenuti.

Leggi anche:

Condividi!
  • 7
    Shares
[Heateor-SC]