Roma-Cagliari 1-0: giallorossi all’ultimo VAR

Andrea Serra

Andrea Serra

Sono un giovane studente romano, appassionato di sport, soprattutto di calcio, innamorato della Roma, che seguo assiduamente dall'infanzia.
Andrea Serra

Pronte a scendere in campo Roma e Cagliari per la 17a giornata. All’Olimpico, come da indicazione del mister Di Francesco, i giallorossi non si risparmieranno, schierando la miglior formazione senza condizionamenti per la prossima trasferta contro i bianconeri.

Dopo il fischio di inizio, la partita si gioca su ritmi molto bassi. I giallorossi si dispongono con l’ormai consueto 4-3-3, ma con l’inedito reparto offensivo costituito da Perotti, Dzeko e Schick dal primo minuto, mentre i sardi rispondono con un 3-5-1-1 piuttosto difensivo. Per l’intera prima frazione non si vivono grandi emozioni, il canovaccio tattico è costante e prevedibile con la Roma in pressing quasi costante intorno all’area di rigore avversaria e i rossoblu tutti dietro la linea di palla. Gli affondi giallorossi sono numerosi, ma mai realmente pericolosi, probabilmente anche grazie all’ottima prestazione difensiva cagliaritana che compre con ordine e precisione ogni tentativo capitolino.

La seconda frazione ha inizio senza cambi tra gli schieramenti. In apertura, al 53’, la prima vera occasione romanista arriva sul piede di Perotti, chiamato a trasformare un rigore assegnato dal VAR per un fallo su Dzeko. Il “Monito”, specialista della situazione, si fa però ipnotizzare dal giovane Cragno. Con il passare dei minuti, i giallorossi risentono dell’errore commesso, iniziando a sbagliare molti appoggi e verticalizzazioni. Approfittando del momento di appannamento avversario i cagliaritani si propongono in avanti con qualche accelerazione individuale del subentrato Farias, che sfiora anche un eurogoal. Nei minuti finali Di Francesco gioca l’all-in, mettendo in campo un temerario  4-2-4 per cercare di agguantare la vittoria. È proprio il caso di dire che la fortuna aiuta gli audaci, infatti al 94’ i giallorossi riescono a sbloccare la partita con un goal in mischia di Fazio, sugli sviluppi di un calcio d’angolo. La decisione viene convalidata con l’ausilio del VAR, consultato per sospetto fallo di mano dello stesso Fazio, giudicato regolare. Insomma i giallorossi la sfangano all’ultimo, conquistando tre punti pesanti in chiave classifica, visto il disastro dell’Inter.

Pagelle giallorosse

  • Alisson SV 
  • Florenzi 6,5 –Buona prestazione dell’esterno giallorosso, che si propone spesso in avanti non rischiando molto in fase difensiva.
  • Manolas 6 –Il colosso greco è addetto a togliere profondità alla manovra avversaria e recuperare in velocità, oggi non ce ne è molto bisogno, ma qualche rischio lo sventa.
  • Fazio 7 –Oramai è il vero comandante della retroguardia giallorossa, oltre a impostare, e difendere, bada anche allo stile con uscite di gran classe.
  • Kolarov 6,5 –La prestazione è la solita, tanta spinta e solidità in entrambe le fasi, nulla da aggiungere.
  • Pellegrini 5,5 –Non bella la prestazione della mezzala romanista, mai al centro del gioco e spesso poco preciso.
  • De Rossi 6 – Il capitano è tornato al centro del suo campo a guidare saggiamente le fasi del gioco.
  • Nainggolan 6 –Il Ninja è – come sempre – utile, ma oggi non indispensabile. La cosa migliore che fa è non prendere gialli che lo avrebbero escluso dal big match con i bianconeri.
  • Strootman SV 
  • El Shaarawy SV
  • Schick 5,5 –Le aspettative per il suo esordio dall’inizio in tandem con Dzeko erano altissime, ma non sono state confermate da una prestazione all’altezza, anche se ha mostrato spunti assolutamente interessanti.
  • Dzeko 4 – Non riesce nulla al talento bosniaco, che oggi è in giornata no.
  • Perotti 5 – Partita regolare, a tratti molto buona soprattutto nel secondo tempo quando è uno dei pochi che spinge in continuazione senza fermarsi, certo la prestazione è macchiata dal rigore fallito.
  • Under SV  
  • Di Francesco 6,5 –La vittoria è arrivata portando tre punti importanti, in maniera rocambolesca ma ce la fa sempre. Il messaggio inviato alla squadra nelle dichiarazioni pre-partita è dei migliori, richiedendo impegno continuo senza pensare solo ai big match. Va detto che la sua squadra non vive un momento spettacolare.

Leggi anche:

Condividi!
  • 8
    Shares

Commenta: