Juventus-Cagliari 3-0, i bianconeri partono col piede giusto

di: Edoardo Sorani

Sono l'ideatore di Testedicalcio.com, progetto partecipativo nel quale unisco l'amore per il calcio, per la scrittura e per il gioco di squadra.

Latest posts by Edoardo Sorani (see all)

Dopo la sconfitta in Supercoppa la settimana scorsa, c’era un po’ di ansia nell’ambiente bianconero, ma i ragazzi di Allegri iniziano la stagione 2017-2018 nel migliore dei modi, con un rotondo 3-0 casalingo contro il Cagliari.

Eppure, come giorni fa contro la Lazio, la Juve aveva cominciato un po’ contratta, tant’è che i primi 10 minuti il Cagliari li passa praticamente tutti nella metà campo bianconera, prendendo gradualmente fiducia. I ragazzi di Rastelli sono aggressivi e si muovono bene, mentre quelli di Allegri sembrano non trovare le giuste misure. Alla prima azione, però, passano in vantaggio, con Mandzukic che di piatto trova la deviazione vincente su cross di Lichtsteiner. La partita sembra mettersi in discesa, con la Juve che prende sicurezza,  ma al 39′ l’arbitro Maresca assegna un rigore al Cagliari per fallo di Alex Sandro su Cop, deciso con la VAR. Farias, però, dal dischetto calcia poco angolato e Buffon neutralizza. La partita del Cagliari si ferma qui, con Dybala che in pieno recupero di prima frazione realizza il raddoppio su assist illuminante di Pjanic.

Nella ripresa la Juve amministra il vantaggio, mostrando un gioco più fluido e una condizione fisica nettamente migliore rispetto al Cagliari, che ormai ha perso motivazione. Così i bianconeri provano ad arrotondare il risultato, con Dybala che si libera bene dal vertice destro dell’area ma di sinistro centra la traversa. A questo punto Allegri mette dentro Khedira per dare riposo a Marchisio, mentre Rastelli tenta disperatamente di recuperare la partita inserendo Joao Pedro in attacco per l’ex Padoin. La difesa bianconera però fa buona guardia e non rischia più nulla, con Chiellini che va a prendersi le responsabilità del caporeparto e Rugani che dimostra di essere ormai maturo. E allora la Juve chiude in avanti, grazie soprattutto alla corsia di sinistra (Alex Sandro e Mandzukic) che spinge senza sosta e dalla quale arriva anche il terzo gol bianconero, firmato da Higuain. L’attaccante argentino, recentemente escluso dalla nazionale, appare ancora lontano dal top della forma, ma conferma di avere il tiro già tirato a lucido: al 66′ controlla un pallone di Alex Sandro e incrocia col sinistro battendo Cragno. Allegri fa esordire anche i nuovi Matuidi e Douglas Costa, ma il risultato non cambia più.

La Juve parte con un netto 3-0 e manda a tutte le concorrenti il messaggio che non è cambiato nulla: la squadra da battere è ancora lei.

Leggi anche:

Condividi!

Commenta: